vacanze a cefalù

VACANZE A CEFALU’: 5 COSE INUSUALI DA FARE ASSOLUTAMENTE A CEFALU’ E DINTORNI PER LE VACANZE DI NATALE

17Dic

Se siete in dubbio su cosa fare per queste festività natalizie, scegliere di trascorrere le vostre vacanze a Cefalù potrebbe riservarvi piacevoli sorprese.

Delle bellezze monumentali di questa piccola cittadina costiera, della sua sontuosa cattedrale, del suo mare, delle piccole botteghe, che si possono esplorare durante le passeggiate del centro storico, si è forse detto tutto.

Forse, però, si può tentare di descrivere una Cefalù meno famosa, meno visitata dalle grandi folle di turisti, si può parlare di una Cefalù più misteriosa e silenziosa, lontana dai rumori della antica cittadina.

Forse, si può provare a descrivere vacanze a Cefalù meno turistiche e più inusuali.

Cose vedere a Cefalù e dintorni

Museo Mandralisca

In pieno centro storico di Cefalù, fra le viuzze tipiche, potrete visitare il museo Mandralisca, che fu la casa del Barone Enrico Pirajno di Mandralisca e al quale oggi è possibile accedere dalle ore 9.00 alle ore 23.00.

Qui, potrete ammirare il ritratto dell’Ignoto Marinaio, quadro attribuito al pittore del 400, Antonello da Messina.

I critici d’arte non sono comunemente concordi che il ritratto rappresenti un marinaio; infatti, alcuni di essi pensano che si tratti del ritratto di un nobile del tempo.

In ogni caso, sembra che il pittore si ispirò ai modelli fiamminghi.

Al quadro hanno fatto riferimento gli scrittori Giovanni Verga ed il contemporaneo Vincenzo Consolo.

Phiale Aurea

phiale-aureaA pochi km da Cefalù, percorrendo la strada statale nella località Buonfornello, troverete l’antico Tempio greco della Vittoria, il nuovo museo Archeologico Pirro Marconi e il meno recente museo archeologico di Himera, antistante il parco archeologico di Himera, un’antica colonia greca, distrutta nel 480 a.C. dai Cartaginesi di Amilcare.

Tutti gli insediamenti meritano di essere visitati, poiché ci permettono di ammirare il fascino delle antiche colonie greche in Sicilia.

Tuttavia, qui parleremo solo del vecchio edificio del museo archeologico, dove di può visitare la Phiale Aurea: si tratta di una coppa interamente in oro, con un peso di 982,40 gr, offerta alla divinità all’interno di un santuario.

Rinvenuta nel 1980, è stata al centro di un vero intrigo internazionale, che ha coinvolto mercanti d’arte, miliardari Americani, Carabinieri e perfino un agente della CIA.

Ne esistono solo due esemplari simili, conservati rispettivamente in Bulgaria ed al Metropolitan Museum di New York.

 

Il salto di Ventimiglia

salto-ventimigliaInerpicandosi sulle strade tortuose delle montagne delle Madonie, dopo circa un’ora, si arriva nel delizioso paese di Geraci Siculo, piccolo borgo medievale.

Si tratta di uno spettacolare affaccio panoramico, realizzato dove sembra si lanciò il conte di Geraci, precipitando nel dirupo con il suo cavallo, perché inseguito dalle truppe regie.

Petralia Soprana

Ancora nelle affascinanti montagne delle Madonie, a pochi km da Cefalù, si può visitare il borgo più bello d’Italia: Petralia Soprana.

Si tratta di un antico borgo medievale, dove, oltre a monumenti antichi e suggestivi, si può ancora respirare un’aria fresca e pura e gustare un cibo veramente locale.

Dove mangiare a Cefalù: la pizzeria Tivitti

tivittiDopo questo autentico viaggio nel tempo e nella bellezza siciliana, una sosta alla pizzeria Tivitti è quasi d’obbligo.

Ad attendervi, ci saranno birre artigianali e alla spina, pizze cotte in forno a legna e con antiche farine.

Vi auguriamo buon appetito e vi aspettiamo al nostro prossimo appuntamento!